tragggedia!

ieri sera l'ultimo, definitivo concerto.
quello dell'addio.
stefano è stanco. dopo solo 43 anni...

come faremo, senza di loro?


questo post è dedicato alle migliaia di fan che oggi piangono in silenzio.
e ad a. che mi ha dato la certezza di quanto sia pericoloso
ascoltare certa musica.


un pezzo per sanremo

Quando la sera ti strucchi ti guardi allo specchio

lo sai, che sei vecchia che il tempo ti mastica ormai

ma tu sei tutto e di più e tutto fa rima con pooh:

dodi, roberto, ma non mi ricordo degli altri…

Guardati, guarda tu hai

la casa il marito i tuoi figli i gioielli il giardino.

Guardati, guarda cos’hai:

soltanto qualcosa da mettere in mostra

e l’apparenza ti uccide, tu dici,

ma sei l’apparenza che hai (ahi, ahi, ahi…)


Resta quel sordo rimorso

la sola illusione di essere viva,

anche paura, tu insisti, ma non la conosci

se non di avere le cose che hai, di non perdere mai

la tua gara.


Tra poco è sanremo, lo sai anche tu

e ancora e per sempre you love pooh.


(in più primavera che paranoia, lietocolle ediz. 2006)


2 commenti:

Michele ha detto...

ma per davvero?

te la passo solo perchè siamo tutti e due amici di Giommi quellochestrizzavalocchio.

;)

Michele

silviamonti ha detto...

ed è proprio giommi che ci ha salvato, noi...
michele!
che bello risentirti. che fai?
s.