today...

l'umanita non vuole annoiarsi. ecco la verità; pur di sfuggire alla noia è disposta a usare ogni mezzo. naturalmente l'umanità preferirebbe fabbricarsi una felicità dopo l'altra, ma la felicità è un fenomeno singolare, e per di più estremamente individuale, la cui caratteristica più spiccata consiste nel fatto che non è producibile. la felicità è davvero bizzarra, va e viene come le pare e piace, senza curarsi minimamente dei nostri desideri, e poichè la felicità come punto di fuga dalla noia è fuori questione, preferiamo attenerci all'infelicità. un valore sicuro, l'infelicità. facile da produrre, con il metodo del do-it-yourself, per così dire, e per giunta durevole. con una infelicità si sa quel che si ha, mente con una felicità si sa solo quel che si perderà da un momento all'altro.
nicole muller
(da "una follia in quattro tempi" ediz. e/o)

mi faccio delle domande, oggi.

Nessun commento: