e via che si va... (doping)

pane y jamon alle sette del mattino.
fischiettare le peggiori canzoni della musica leggera italiana.
piangere.
guardare tutto quello che c'e' intorno.
scambiare due parole con qualcuno che non conosci.
l'acqua di una fontana.
tacere e ruminare per ore e ore.
la musica a tutto volume nelle orecchie.
partire quando e' ancora notte...

anche il mal di piedi piu' insistente a un certo punto tace.
e poi si arriva, magari dopo aver percorso molti piu' chilometri del previsto. oppure ci si deve fermare, prima del previsto.

ma e' una droga potente, camminare.

1 commento:

Anonimo ha detto...

"fischiettare le peggiori canzoni della musica leggera italiana."
Per esempio?

Tonio